giovedì 8 dicembre 2016

La tappa LSDM a Parigi in novembre ecco com'è andata

Parigi novembre 2016, la sala e la cucina di Ober Mama per LSDM

La tappa francese di LSDM, inaugurata dai fritti italiani, si è conclusa con pizza e pasta, la tradizione che il mondo ci invidia. Il 25 e il 26 novembre 2016 LSDM ha fatto tappa a Parigi, al Grand Tasting “Le festival des meilleurs vins”, per presentare i due Ateliers Gourmets dal titolo “La grande école de la friture à l'italienne“ e celebrare i fritti italiani con Gaetano e Pasquale Torrente e  con Arcangelo Dandini, introdotti da Enzo Vizzari. Sabato pomeriggio, gran finale con pizza e pasta da  Ober Mamma in Boulevard Richard Lenoir, in una affollatissima masterclass “La véritable pizza” e “Un véritable plat de pâtes” condotta da Luciano Pignataro. Al forno si sono alternati quattro pizzaioli: Vincenzo Esposito di Carmnella appena nominata da Il Mattino “Pizzeria dell’Anno”; Giacomo Guido, ischitano, pizzaiolo di successo a Londra, Lello Sorrentino e Matteo Caprioli, i pizzaioli di Ober Mamma  che entusiasmano i palati dei parigini. Per spiegare fino in fondo il concetto di pizza napoletana, al pubblico parigino, la semplicità della tradizione è stata il miglior strumento: solo margherita e marinara. Impasto, idratazione, tempi di lievitazione, cottura tutti temi che hanno affascinato l’attentissimo pubblico. Tutti gli interventi hanno avuto come filo conduttore l’imprescindibile concetto di qualità nella scelta degli ingredienti, che sta caratterizzando la nuova generazione di pizzaioli di scuola napoletana a tutti i livelli e latitudini.
La pizza Margerita Napoletana. Punto.

venerdì 2 dicembre 2016

11 dicembre, a Boscotrecase (Na) Sorrentino Vini ospita un "Estatico Natale"



Domenica 11 dicembre alle 13,30 presso la cantina vesuviana Sorrentinovini di Boscotrecase (Na) Eduardo Estatico, Executive Chef del JKitchen di Capri, in collaborazione con Laura Gambacorta, presenta “In cantina con lo Chef: Un Estatico Natale”. Lo chef napoletano, ospite per un giorno dell’ampia e moderna  cucina dell’azienda capitanata da Benny, Maria Paola e Giuseppe Sorrentino, interpreterà in modo raffinato e creativo i piatti del Natale.
In abbinamento  i vini Sorrentino: Dòré Spumante Lacryma Christi DOC, Vigna Lapillo Bianco 2014, Coda di Volpe Natì 2011, Vigna Lapillo Rosato 2011 e Passito Igt Pompeiano Fior di Ginestre. Partner dell’evento sono il Pastificio Gentile, Villeroy e Boch, Broggi e Lofoten.

giovedì 1 dicembre 2016

28 novembre Milano si chiude al W37 un'indimenticable Cooking for Art 2016



Si è chiusa da qualche giorno  al W37 di Milano che ospita anche il ristorante Lume di Luigi Taglienti, Cooking for Art Milano, tappa che ha visto lo svolgersi della gara per la selezione degli emergenti pizza chef e chef dell’Italia settentrionale. 
La gara più attesa, quella dei giovani chef del nord, ha visto gareggiare 16 under 30 divisi in 4 batterie, e si è conclusa con tre vincitori invece dei due previsti per via dell’ex-aequo del nordovest. Così alla finalissima di Roma vedremo: Michele Lazzarini sous chef al St Hubertus di San Cassiano, Davide Caranchini del Materia di Cernobbio e Stefano Bacchelli del Tosca di Ginevra. Gli ultimi due si sono sfidati per due volte con due giurie diverse per terminare sempre in perfetta parità! Una ricetta da citare? La bella tartare di salmerino con sambuco vino terlano e squame di salmerino di Lazzarini, che ha vinto anche il premio speciale di Confagricoltura per il suo rispetto del territorio. 
Nella gara pizza una giuria d’eccezione, composta tra gli altri da Guglielmo Vuolo, Gino Sorbillo, Ciro Salvo e Corrado Scaglione, ha assegnato il via libera per la finale di Roma a Indrit Haraciu della pizzeria Berberè di Milano con una pizza zucca, funghi, parmigiano a scaglie e olio alla salvia e Niccolò Servadei di O’ Fiore Mio di Faenza con la sua Vegetariana d’Autunno.Lorenza Vitali ha condotto Emergente Sala, un nuovo format di gara dedicata all’accoglienza e al servizio,

lunedì 28 novembre 2016

E' Federico Terenzi il nuovo presidente nazionale di AgiVi, Giovani Vinicoli


 
Federico Terenzi

38 anni, una passione per il vino che lo ha portato a dedicarsi ben presto all’azienda di famiglia, la capacità di sapersi mettere in discussione  e la volontà di confrontarsi con gli altri, da cui c’è sempre da imparare. Questo il ritratto di Federico Terenzi, nuovo presidente nazionale AGIVI per il triennio 2017 - 2020, eletto il 25 novembre 2016 presso il Magna Pars di Milano in occasione dell’assemblea annuale dell’associazione. Già vicepresidente nell’ultimo triennio, Federico Terenzi succede a Carlotta Pasqua, imprenditrice per due mandati alla guida dei giovani imprenditori vinicoli, dalla quale eredita un programma di lavoro ben definito, basato su formazione, competenza e collaborazione.

giovedì 24 novembre 2016

10 dicembre, Roma si presenta Flos Olei 2017

LA PRESENTAZIONE A ROMA, PRESSO THE WESTIN EXCELSIOR
DI VIA VENETO SABATO 10 DICEMBRE 2016

SONO 50 I PAESI RACCONTATI DA


Flos Olei arriva all’ottava edizione e tocca quota 50, come il numero dei Paesi presenti in Guida. È la volta dell’Iraq, infatti, ad aggiungersi alla rosa delle nazioni pubblicate, per un totale di 500 aziende e 751 oli recensiti, provenienti da tutti i continenti.Sono numeri che confermano ancora una volta l’importanza di Flos Olei 2017, riconosciuta come la più importante pubblicazione di settore - in doppia lingua, italiano-inglese - una sorta di “Atlante Olivicolo” destinato non solo agli addetti ai lavori ma anche agli appassionati, ai neofiti e a chiunque abbia voglia di approfondire un mondo, quello dell’extravergine, purtroppo spesso ancora non abbastanza conosciuto. Da questa nuova edizione, poi, la Guida, già disponibile su Apple Store attraverso varie App (World, Europe, Italy, Spain), lo sarà anche nella versione Android sul Play Store, a completamento della massima fruibilità a livello internazionale. Coadiuvati da un team di esperti, i due curatori, Marco Oreggia e Laura Marinelli, propongono un testo unico e completo, un viaggio tra le terre dell’olio, le aziende più rappresentative, in un percorso attraverso i 5 continenti. In ogni scheda le grandi protagoniste sono le diverse cultivar e le loro peculiarità, ma trovano spazio anche approfondimenti sui metodi di produzione, sui migliori abbinamenti gastronomici, sul valore economico del comparto. Arricchiscono il volume una sezione dedicata alle tecniche di degustazione, un approfondimento sui prezzi dell’extravergine, oltre a consigli sulla sua corretta conservazione.

sabato 19 novembre 2016

26 - 28 novembre Roma Spazio Set Eventi torna la quarta edizione di Taste of Excellence





Approda a Roma, dal 26 al 28 novembre, la quarta edizione di TASTE OF EXCELLENCE, l’evento dedicato al B2B del Food che riunisce in un’unica cornice produttori, chef, scuole di cucina, operatori e istituzioni.
Ideato da EXCELLENCE, l’iniziativa è dedicata quest’anno alla #FoodInnovation, concepita come innovazione ma anche come creatività nell’accostamento di eccellenze lavorate direttamente da grandi chef in performance, dialoghi e incontri in perfetto equilibrio tra tecnica ed improvvisazione.
Taste of Excellence si pone come obiettivo primario quello di essere utile agli operatori del Settore incrementando il networking  ed il business tra gli addetti ai lavori. Si presterà particolare attenzione alle performance dei grandi chef che porteranno creatività e innovazione attraverso la spettacolarizzazione del cibo tenendo quale riferimento assoluto la qualità dei contenuti” afferma Pietro Ciccotti, ideatore dell’evento.

Molte le tematiche affrontate, distribuite tra talk show interattivi con pubblico e addetti ai lavori: si parte dagli ingredienti della cucina del futuro, per parlare dell’idea di cibo perfetto; si attraverseranno i meccanismi dello Chef Star System per poi incorrere in discorsi sulle virtualità enogastronomica, a partire dall’Oste 2.0. E ancora ipotesi di come sarà lo Chef del domani e del nodale ruolo affidato al Critico Enogastronomico (Osservatore o Giudice?), analisi algoritmiche sui modelli empirici della ristorazione e ricette di donna, raccontate da rilevanti operatrici del settore con una considerevole esperienza nel mondo enogastronomico, oltre ad uno speciale approfondimento sulle innovazioni in corso nell’universo “Pizza”.

venerdì 18 novembre 2016

Milano 25 - 28 novembre tre giorni di alta cucina al W37


 Come ogni anno oltre la gara per Chef e Pizza Chef Emergente del Nord e la presentazione e premiazione della guida Alberghi & Ristoranti del Touring Club Italiano, Cooking for Art propone tante altre iniziative collaterali, eventi nell’evento, momenti di formazione e di svago, lunch e cene stellate. Ecco il  programma al W37, prestigioso complesso polifunzionale  di Milano.

mercoledì 16 novembre 2016

Battipaglia 24 novembre lo chef stellato Vitantonio Lombardo a StoriediPane con un goloso menu




Vitantonio Lombardo

Continua il percorso delle cene esperienziali firmate StoriediPane: 3 cene, 3 chef, 3 territori ed altrettante storie. “Viaggi a tavola”, al suo secondo appuntamento, con la giovane brigata dello chef stellato Vitantonio Lombardo.
Nella sua Locanda Severino a Caggiano, Lombardo ha ottenuto il più alto riconoscimento per la ristorazione italiana, riconfermato il 15 novembre a Parma.
Dopo anni di gavetta e lontano da casa,  a pochi chilometri dalla sua Lucania Vitantonio trova il suo “habitat” naturale. Scommette su se stesso, sul suo talento e vince, non senza difficoltà e momenti di scoramento. Fare una cucina stellata in un piccolo paese, lontano dalla città, è  un'operazione quasi eroica, ma stimolante Oggi Lombardo è un bel riferimento per l'alta cucina della Campania.

Napoli 29 novembre torna Anteprima Vitigno Italia


Un’occasione per degustare 100 fra le migliori cantine italiane abbinate ad eccellenze gastronomiche.
Martedì 29 novembre dalle 17:30 alle 23:00
presso l’Hotel Excelsior 
Napoli  Via Partenope 48

martedì 15 novembre 2016

Parma 15 novembre, "Le novità 2017", Nino di Costanzo "rientra" direttamente a due stelle a pochi mesi dall'apertura di Danì Maison

Ischia , Nino di Costanzo 8 mesi prima dell'apertura de suo Dani Maison

Ha spiazzato tutti.  I gourmet, il suo pubblico, la stampa di settore, tutti si aspettavano che Nino di Costanzo lasciasse Ischia, dopo quasi un anno sabbatico in giro per il mondo, cucinando anche per il guru di Facebook, invece il 25 maggio di quest'anno,  neanche sei mesi fa, nel cuore della sua Ischia, ha aperto Danì Maison. 

a Casa di Nino 
Dall'atmosfera in qualche modo stressante e un pò ingessata de Il Mosaico, dove il fattore ansia da prestazione faceva a cazzotti con la precisione, la cura per l'estetica e i sapori di ogni piatto che lo Chef faceva sfilare in sala, al Danì Maison.